2 Commenti

  • Sai che ti dico?Che lo considero un buon segno. Vuol dire che alla seconda lettura la storia ti piace ancora, ti appassiona per questo saltano fuori idee, dialoghi e tutto il resto.Io lo chiamo “effetto fisarmonica”.Spesso il secondo “passaggio” mi vede allargare la fisarmonica.E’ un po’ come se la storia si ampliasse per chiarirsi nella mia mente ancora di più. I personaggi parlano, straparlano, vogliono saltar fuori in tutta la loro complessità.Di solito è la fase in cui quando scrivo per i concorsi mi scoraggio perchè supero il numero di battute concesse grandemente.Ma al terzo “passaggio” stranamente divento peggio di un mietitore invasato e taglio come una matta.E per fortuna la fisarmonica si stringe spesso fino all’incirca al numero di battute permesse.Altre volte è davvero difficile stringere la fisarmonica ma alla fine qualcosa che va tagliato si trova sempre.Goditi la fase in cui tutto si arricchisce è sempre un momento di grande stupore vedere cosa ancora mancava alla storia.

  • Tu, Cily dear, fai bene al morale. Sei sempre incoraggiante e sai trovare punti di vista imprevisti per tutto… Grazie grazie – e in effetti, vista così la faccenda è molto migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*