In Timida Lode della Procrastinazione Tattica

ProcrastinITParlavasi di procrastinazione, giusto?

E nei commenti, con L., rimuginavasi di diagnosi, guarigioni e cose così. Il che però mi ha dato da pensare – e oggi bisogna proprio che faccia qualcosa che sembrerà un po’ un’inversione a U. O almeno…

Parliamo di scadenze, volete? Vere o artificiali. Qualche tempo fa, nell’intento di finire una stesura in termini ragionevoli, mi imposi di scrivere 1500 parole di romanzo al dì in mezzo a una certa quantità di altre cose – un numero più che ragionevole per i miei ritmi. E in effetti funzionò, come mi aspettavo perché mi conosco e so di lavorare meglio con una scadenza. E tuttavia…

Il fatto è che passavo un sacco di tempo a spostare virgole, cercare immagini di finestre Tudor, farmi una tazza di tè dopo l’altra, controllare la posta, far piani per quello che avrei scritto fra una stesura e l’altra, consultare il beneamato Historical Thesaurus, eccetera eccetera, fino a che non mi restava meno di un’ora prima delle prove/lezione/appuntamento/ora di cena/… E allora, in quell’oretta scarsa, mi riscuotevo e buttavo giù otto o novecento parole di cui non ero troppo dispiaciuta. E poi ripetevo più tardi – di solito a notte fonda fondissima – e finivo col superare le millecinquecento parole quotidiane, ma sempre a forza di frenetiche orette all’ultimo momento…

Ecco, questa a me piace chiamarla Microprocrastinazione, o meglio ancora Procrastinazione Tattica. E non si può negare che in qualche modo funzioni, anche se questo non lo rende necessariamente il più razionale o il più sano dei metodi. Però che devo dire? Funziona – tanto che faccio così anche a livello strategico. A voi non è mai capitato di avere mesi davanti prima di una scadenza – e ridurvi all’ultima settimana per consegnare? Mi si dice che sia una condizione piuttosto comune. Poi l’umanità si divide tra quelli per cui funziona e quelli per cui produce disastri. Io sono di quelli per cui funziona – e infatti continuo a farlo. Talvolta mi chiedo vagamente: e se invece, per una volta, provassi a usare davvero tutto il tempo di cui dispongo? Talvolta ci provo perfino, ma alla fin fine il fatto è che per lo più lavoro meglio sotto pressione, e quando la pressione non c’è la creo artificialmente. Procrastinando.

E magari è solo un’altra di quelle gradevoli illusioni – come l’utilità immaginaria e il nome di multitasking – con cui rivestire le ore passate a cercare finestre Tudor, ma se invece, dopo tutto, non tuttissima la procrastinazione venisse per nuocere?

 

Salva

In Timida Lode della Procrastinazione Tatticaultima modifica: 2017-02-08T10:18:17+00:00da laclarina
Reposta per primo quest’articolo

2 Commenti

  • La moglie di Dostoevskij nei suoi diari ha scritto più volte che un cruccio del buon Fëdor era quello di scrivere sempre all’ultimo momento, pressato da una scadenza: non esistendo il diritto d’autore, doveva scrivere sempre per guadagnare. E il suo sogno sarebbe stato quello di scrivere in santa pace, senza alcuna scadenza da rispettare: per fortuna non ci è riuscito…
    Ci sono davvero persone che danno il meglio sotto pressione, per cui alla fine anche quella che sembra una procrastinazione è in realtà l’attesa del livello giusto di pressione che serve per scrivere in modo fruttuoso.
    Borges non aveva scadenze né problemi di soldi – o almeno non ne ha lasciato tracce in memoriali ed interviste – e poteva permettersi di limare virgole e parole, facendo impazzire i “vedenti” che lavoravano (gratis) per lui: il risultato è poco testo ma succosissimo, contro il tanto testo nutriente di Fëdor. Sono due scritture meravigliose ma nate da “pressioni” diverse. 😉

  • Considerando quanto e quanto a lungo è stata diffusa la pubblicazione a puntate, bisogna dire che dobbiamo un sacco di romanzi alla forza delle scadenze…
    Mi viene in mente in particolare Dumas, che pareva trovar gusto nell’andarsi a cercare ritmi di consegna folli e multipli, come se fosse una sfida. Come se avesse bisogno di vedere quanta pressione poteva tollerare. A volte erano due, addirittura tre romanzi in contemporanea, a scadenze settimanali o bisettimanali su altrettanti periodici – e contemporaneamente c’era anche il teatro. E un altro così era Dickens. Morale: ritmi folli, produzione sterminata, qualità… er, variabile.
    Di sicuro nessuno dei due aveva la minima idea di che cosa significasse procrastinare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*