Lug 20, 2011 - guardando la storia, teatro    2 Comments

Aninha

Sentivo il mondo muoversi appena oltre la cinta nera delle colline all’orizzonte, come un ruggire anita, garibaldi, teatro, governolo, centocinquantesimo, unità d'italia, laguna, brasilelontano di temporali nella notte. E me ne tornavo a casa piena di una fame senza nome e senza forma. E dietro le mie spalle mormoravano della Aninha selvaggia, la vergogna e il crepacuore di sua madre. Allora gettavo indietro la testa e fingevo che non m’importasse. Ero prigioniera…

 

Perché prima di Anita c’era Aninha, la figlia di un mandriano nelle paludi del Brasile, soffocata in un mondo troppo stretto – finché qualcuno non le diede un nuovo nome e nuovi sogni. La storia della ragazza che divenne Anita Garibaldi.

 

 

anita,garibaldi,teatro,governolo,centocinquantesimo,unità d'italia,laguna,brasile

 

 

Aninhaultima modifica: 2011-07-20T08:04:00+02:00da laclarina
Reposta per primo quest’articolo

2 Commenti

  • «E dietro le mie spalle mormoravano della Aninha selvaggia, la vergogna e il crepacuore di sua madre»

    Già mi piace, questa Aninha!

  • Ma sai che questo commento mi era sfuggito? Sorry…

    Il debutto è andato, nel bene e nel male – un momento o l’altro vi racconterò una piccola storia – e adesso fioccano le richieste. Chissà, magari una volta o l’altra arriveremo anche a Pavia!

Rispondi a renzo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *