Nov 26, 2012 - grilloleggente, meme    6 Comments

Premio UNIA

La colpa è di Davide Mana di strategie evolutive, che mi ha girato il Premio Unia, un meme libresco di quelli cui non mi so sottrarre, perché – forse ve ne sarà sorto il sospetto – una volta che mi si è avviata a parlare di libri, per farmi smettere occorre abbattermi a sediate*… E vi dirò, sospetto che UNIA sia un acronimo di qualche tipo, ma non arrivo a scioglierlo né per deduzione né per ricerca. Qualcuno ha idea?

Ma nel frattempo, grazie, Dr. Dee. Fo la riverenza e rispondo alle sette domande.

1. Qual è il primo libro che hai letto in assoluto?

Nel senso de “Il Primo Libro Grosso E Senza Figure”? Il Richiamo Della Foresta di Jack London, nell’estate dei miei sei anni, dopo vaste quantità di fiabe illustrate e Corriere dei Piccoli. Non posso dire che mi sia piaciuto alla follia, ma la soddisfazione! Quasi più una prova iniziatica che una lettura.

2. Hai mai fatto un sogno ispirato a un libro che hai letto? Se sì, racconta.

Tutto il tempo. Anche lasciando da parte gli incubi da fantascienza e da cose improbabili, una volta ho sognato dettagliatamente Fanny ed Eliza della Cena ad Elsinore di Blixen/Dinesen; un’altra volta di scambiare quattro chiacchiere con una vicina di posto in autobus che sosteneva di essere Penny Parrish; un’altra ancora di recitare la parte Bianca Trao in una riduzione di Mastro Don Gesualdo – e naturalmente non mi ricordavo le mie battute… Ma in realtà mi capita piuttosto spesso. 

3. Qual è la prima cosa che ti colpisce in un libro? La copertina, la trama o il titolo?

Ah… non lo so. No, sul serio. Delle copertine diffido ferocemente. Chi non si è mai lasciato trascinare da una bella copertina e poi è rimasto deluso, alzi la mano. Le copertine sono subdole e malvagie. Le copertine sono tendenziose. Detto questo, mettiamola così: il mio emisfero destro corre al bel titolo con il gaio abbandono di un capretto su un pendio di erba tenerella – e intanto il mio emisfero sinistro sceglie in base alla trama, thank you very much

4. Ti è mai capitato di piangere per la morte di un personaggio?

Cyrano, Giovanni Drogo, l’Henry Morgan della Santa Rossa, Sydney Carton. E poi, anche se non è proprio la morte di un personaggio, c’è il finale de La Cripta dei Cappuccini, con Franz von Trotta che grida Gott Erhalte! nella notte ventosa…

5. Qual è il tuo genere preferito?

La maggior parte di quel che ha a che fare con la storia. Romanzo storico tradizionale, saggistica storica, ucronia, giallo storico, fantasy storico… parlatemi di qualche secolo passato, e le probabilità che mi facciate felice sono ragionevolmente alte.

6. Hai mai incontrato uno scrittore?

Mi è capitato di incontrare Antonio Scurati, Bernard Cornwell e Toni Morrison, ma soprattutto… er, vi ho mai raccontato di quando ho fatto da interprete, guida e autista per Seamus Heaney? E c’erano anche Marie Devlin Heaney e Peter Fallon. E non esagero dicendo che è stata una delle Esperienze della mia vita.

7. Posta un’immagine che rappresenta cosa significa per te le lettura

premio unia, lettura, libri

Ma anche…

premio unia, lettura, libri

E per finire, dovrei passare premio e testimone ad altri sette blogger.Allora, vediamo un po’…

. Alessandro Forlani
. Marta Manfioletti
. Danilo Zanelli
. Della di Quartello’s Kitchen
. Mattia Nicchio
. Marta Traverso
. Patfumetto

E, o gente senza blog, se volete rispondere qui sotto nei commenti, siete più che i benvenuti.


__________________________________________________________________

* Venerdì sera, durante una cena, un’ospite mi ha incautamente chiesto lumi sulla questione del Vero Autore. E gli altri – qualcuno per amara esperienza, qualcuno allarmato dal luccichio nelle mie pupille – si sono gettati come un sol ospite sulla linea del fuoco, hanno preso a gomitate la malcapitata e hanno dirottato la conversazione sulla tregua fra Israele e Gaza. Safer ground, you know.

Premio UNIAultima modifica: 2012-11-26T08:10:00+01:00da laclarina
Reposta per primo quest’articolo

6 Commenti

  • Io da queste parti finisco sempre col fare la figura dell’istigatore di faccende sconvenienti.
    Dovrò procurarmi un baffo da arricciare con perfidia mentre sogghigno sullo sfondo.

  • Á la Douglas Fairbanks Jr, direi…
    Ma che posso dire? Avevo fatto voto: niente meme su SEdS. Poi ho cominciato a frequentare strategie evolutive, blog limitrofi e blocco C – ed è stata la fine…

  • Oh Gesù! Per rispetto verso te e verso questa bella idea risponderò sul blog nonostante la mia scarsissima memoria e le mie letture confuse, ma la prendo come un gioco, e in ogni caso grazie per per l’attenzione, mi onora molto.

  • Ciao Clarina! Che bella sorpresa, tra stasera e domani rispondo senz’altro sul mio blog! E grazie per l’apprezzamento espresso in merito al laboratorio su “Lo Hobbit”! Interprete per Seamus Heaney? Se non lo hai già fatto, devi, devi, DEVI raccontare! UNIA = Uniti Nell’ Immortal Amore… per la letteratura intendo, ma forse la mia interpretazione è condizionata dal ripasso di Dante…

  • @Pat: sarà un piacere leggerti – e certo, è un gioco. 🙂

    @Della: ho raccontato qualcosina qui a suo tempo: http://senzaerroridistumpa.myblog.it/archive/2011/10/14/in-buona-compagnia.html
    E anche qui: http://senzaerroridistumpa.myblog.it/archive/2011/10/17/piccole-cronache-virgiliane.html
    E se l’acronimo non si scioglie come dici tu – ebbene, dovrebbe, perché è bellissimo.

  • Ciao Clarina, grazie dei link, sono andata a leggere… bellissimo,cosi’ emozionante e autentico e coinvolgente! Potrebbe davvero essere l’inizio di un racconto… e lo comincerei con il vestito di chiffon grigio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *