Feb 1, 2015 - Kipling Year, musica, Poesia    7 Comments

il Canto dei Pitti ♫

PoPHKipling in musica? Be’, succede – seppur non spessissimo.

Di Puck of Pook’s Hill, e del suo seguito Rewards and Fairies, due delle mie cose preferite di Kipling, parleremo in dettaglio. Per ora basti dire che si tratta di due raccolte di racconti e poesie di ambientazione storica.

La poesia A Pict Song, tratta da questo ciclo, parla – non del tutto sorprendentemente – dei Pitti, la gente piccoletta e dipinta di blu che sta a nord del Vallo, e che non nutre sentimenti affettuosissimi nei confronti dei Romani. È stata musicata per la prima volta (credo) da Billy Bragg. Qui è nella versione degli Emerald Rose che, accento americano a parte, rende abbastanza l’idea:

Il testo dice più o meno* così:

 

Roma non bada a quello che calpesta

Ci schiaccia a passi ferrati,

Stomaci, cuori e teste;

E Roma non ascolta il nostro lamento.

Le sue sentinelle passano oltre – e basta.

Ma noi ci raccogliamo alle loro spalle

E complottiamo la riconquista del Vallo

Senza altra spada che le nostre lingue.

Siamo la Gente Piccola, noi!

roppo piccoli da amare o da odiare.

Ma lasciate fare a noi,

E vedrete se non sappiamo distruggere l’Impero.

Siamo il tarlo nel legno!

Facciamo marcire le radici!

Siamo il difetto di sangue!

Siamo la spina nel fianco!

Vischio che strangola una quercia –

Topi che rodono le cime –

Tarme che bucano i mantelli –

Chissà come amano il loro lavoro!

Sì, e anche noi Gente Piccola

Siamo proprio come loro –

Facciamo il nostro lavoro di nascosto –

Ma state a vedere!

Siamo la Gente Piccola, noi!

Troppo piccoli da amare o da odiare.

Ma lasciate fare a noi

E vedrete se non sappiamo distruggere l’Impero.

Siamo il tarlo nel legno!

Facciamo marcire le radici!

Siamo il difetto di sangue!

Siamo la spina nel fianco!

È vero che non siamo forti,

Ma conosciamo popoli che lo sono.

Oh sì, e li guideremo qui

A schiacciarvi e distruggervi in Guerra.

E allora ci faranno schiavi, dite?

Vero: siamo sempre stati schiavi, noi.

Ma voi… la vergogna vi ucciderà,

E allora danzeremo sulle vostre tombe.

 

Allegerrimo, eh? ma d’altra parte, chi l’ha detto che Kipling è un autore allegro? Er… buona domenica.

_______________________________________________________________________

* Traduzione mia e leggermente à l’impromptu: non sarà artisticissima, però è funzionale.

 

  

  

  

il Canto dei Pitti ♫ultima modifica: 2015-02-01T08:10:00+01:00da laclarina
Reposta per primo quest’articolo

7 Commenti

  • Per una di quelle collisioni inspiegabili, la canzone dei Pitti (musicata da Billy Bragg!) per me si associa automaticamente a Short People di randy Newman (che, ammettiamolo, non c’entra nulla) – sarà quel riferimento all’essere gente piccola 😛
    D’altra parte io i pitti li ho conosciuti con Robert E. Howard… e non erano né piccoli né canterini 😀
    Buona domenica a te 😉

  • Mah, per me i Pitti sono inevitabilmente legati a Kipling, invece. Le storie di Parnesius e Pertinax hanno modellato la mia immagine della vita di qua e di là dal Vallo.

    E quindi per me i Pitti sono piccoletti, e blu, e canterini… Che detto così li fa somigliare terribilmente ai Puffi, vero? 😀

  • Ahimé…
    Noi Pitti siam così
    Noi siamo i Pitti blu…

    Tarribile.

  • Pittiamo su per giù…

    *E la Clarina collassa sghignazzante sulla tastiera…*

  • Già, perché se i puffi puffano, i pitti pittano (o pittiano) 😀

  • 😀 E vorrei anche vedere…

  • E gli Ittiti?
    Vogliamo parlare degli Ittiti?
    Un popolo che palesemente conosceva solo due lettere dell’alfabeto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *