Ago 9, 2008 - Senza categoria    4 Comments

NDSN

Ovvero, Nulla Dies Sine Linea.

Sanissimo principio: la scrittura, come qualsiasi altra disciplina (intellettuale, artistica, sportiva… fate voi), beneficia di una pratica costante. Scrivere un poco ogni giorno rende più facile scrivere ancora e di più, e meglio, il giorno successivo. Mantiene entro limiti ragionevoli l’ansia da foglio bianco. Abitua a pensare in termini traducibili per iscritto. Permette di acquisire un’abitudine di disciplina. E’ di grande aiuto nel navigare tra gli scogli del Blocco dello Scrittore. Mantiene lubrificati i meccanismi, rotelle, leve ed ingranaggi che invece bisogna rimettere faticosamente in moto se si scrive di quando in quando.

Poi, siccome la vita è quella che è, il tempo non basta mai, è difficile trovare la quiete, la concentrazione, eccetera, eccetera, non bisogna pensare di scrivere ogni giorno un capitolo perfetto del Romanzo Della Vita: porsi degli obiettivi dissennati è il mezzo più sicuro per far naufragare i buoni propositi al secondo giorno– e spesso non recuperarli mai più.

Il trucco è tutto qui: obiettivi ragionevoli. Qualcosa per cui sia davvero possibile trovare il tempo ogni giorno.

Una pagina di diario? Benissimo. Un post sul proprio blog? Altrettanto. Aggiungere almeno 100 parole a qualsiasi cosa si stia scrivendo? Ottima idea. Un esercizio specifico? Assolutamente sì.

Quale genere di esercizio specifico? Personalmente adoro fare Timed Writing, o Free Writing che dir si voglia. D’accordo, forse non è che proprio lo adori: diciamo che non mi diventa intollerabile troppo spesso. Ed è semplicissimo: puntate un timer, o la sveglia del cellulare, su dieci minuti; scegliete un tema e, per quei dieci minuti, scrivete a ruota libera su quel tema. Qualsiasi cosa vi venga in mente, senza preoccuparvi di grammatica, sintassi e stile: badate solo a non fermarvi nemmeno un attimo per quei dieci minuti.

C’è chi giura di trovare, in quei dieci minuti di scrittura senza rete, ogni genere di illuminazioni, spunti, soluzioni ed epifanie. Per essere realisti, diciamo che qualche volta capita, più spesso no. In ogni caso, si è scritto qualcosa, ci si è costretti ad essere sciolti, ci si è impedito di rimuginare troppo su ogni singola parola… sono tutti vantaggi. Personalmente, poi, dopo quei dieci minuti ho spesso più voglia di scrivere di quanta ne avessi all’inizio. Diciamo, un esercizio di riscaldamento. Alla peggio, almeno avrò scritto la mia lineaquotidiana, buttato giù un’idea che mi ronzava in mente, sperimentato qualcosa…

 §§§

Un paio di dettagli pratici:

1) Siccome mi seccava salvare ogni giorno un minuscolo file di Word e poi faticare a rintracciarlo semmai ne avessi avuto l’uzzolo, e poi, e poi… (sono pigra, pigerrima: lo confesso senza un’ombra di vergogna), ho scaricato un journaling software, che si occupa delle mie pecorelle. My Simple Friend [http://www.brothersoft.com/my-simple-friend-download-123609.html] ha il vantaggio di essere gratuito e di dimensioni limitate. Non è che abbia molti fronzoli, ma per fare TW non ne servono.

2) Come si sceglie il tema? Le possibilità sono infinite: aprendo un dizionario a caso, preparando delle liste in precedenza, seguendo l’umore del momento, concentrandosi su un aspetto di ciò che si sta scrivendo e che si desidera esplorare un po’, girellando per Internet a caso… per chi sa l’Inglese almeno un po’, c’è sempre la possibilità di digitare “prompts” oppure “writing prompts” in un motore di ricerca qualsiasi, e poi guadare tra milioni di possibilità. Per esempio http://www.oncewritten.com/FreeCreativeWritingPrompts.php, oppure http://www.internetwritingworkshop.org/pwarchive/index.shtml, o ancora http://writingfix.com/… ma ce ne sono a non finire.

NDSNultima modifica: 2008-08-09T18:47:00+00:00da laclarina
Reposta per primo quest’articolo

4 Commenti

  • Interessante il ‘journaling software’ vedrò di scaricarlo appena posso, anche se in realtà non ne ho mai usato uno e non so nemmeno da che parte iniziare. Però c’è sempre un inizio, no? E allora… sotto col lavoro. E speriamo bene.
    Bel blog, interesssante, proprio interessante.
    Senza dilungarmi troppo, ti dico il mio di metodo: Scrivo la bozza non appena mi si presenta l’ispirazione. E se quest’ultima tarda ad arrivare, faccio ricorso a qualche mezzuccio oramai testato da tempo (Libero la mente con un bel bicchiere di vino rosso, ma uno solo, sia chiaro). Quasi sempre funziona.
    Poi ci lavoro su con cadenza quotidiana, proprio come suggerivi tu poco più sopra: obbiettivi ragionevoli.
    Quando arrivo alla fine, che quasi sempre è autoimposta a priori, metto via tutto e considero il laovoro finito. Quindi lo posto o lo metto via, a seconda di che cosa mi suggerisce la testa.

    Alla prossima.
    Davide.

  • Ciao, Davide!
    Ottimo metodo, direi… mi piace l’idea del vino rosso per sbloccare l’ispirazione. Bisogna che provi.
    In realtà, la scrittura è materia empirica: tutto quel che funziona va bene; quel che non funziona, no.
    Si tratta di sperimentare pazientemente nel corso degli anni, provare tutti i metodi fino a trovare o inventare il proprio, oppure i propri, perché non è detto che lo stesso metodo funzioni in tutte le combinazioni di circostanze.
    E’ una delle bellezze di questa passione, no?

    Ciao e a presto.

    Clarina

  • Ragazzi il mio unico vero problema è il tempo…Non ne ho mai.
    E capita sempre, puntualmente, che se poi il tempo capita tra capo e collo, in un momento di strana stasi, ecco che l’ispirazione per scrivere non c’è più. Che disperazione!!
    Non posso nemmeno provare col bicchiere di rosso suggerito da Davide… SONO ASTEMIA!! Chissà cosa scriverei se fossi davvero un po’ brilla XD
    Mi sta venendo la curiosità di provare!!

  • Ah, allora non sono l’unica ad essere incuriosita dal metodo “bicchiere di rosso”! Davide potrebbe avere dato inizio ad una Scuola Letteraria del Lambrusco! 🙂
    Per quel che riguarda il tempo, ti assicuro (per aver attraversato la fase) che è molto questione di abitudine.
    Stay tuned: ci sarà un post a questo proposito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*