Ago 21, 2009 - grilloleggente    4 Comments

Nizza e Morbelli

Ieri ho citato “I Quattro Moschettieri” di Nizza e Morbelli, e ho ricevuto (non via commento… mai via commento! Ma perché? Perché? Perché?) richieste di delucidazione.

Dunque, Nizza e Morbelli erano due splendidi autori radiofonici d’antan.

Nel 1934, la loro prima irresistibile parodia dumasiana, “I Quattro Moschettieri”, appunto, fu trasmessa dall’allora EIAR, abbinata al concorso delle figurine Perugina-Buitoni (quelle del Feroce Saladino, per capirci). Fu un successo travolgente. Tutta l’Italia faceva ressa intorno alle radio per ascoltare le avventure dei Moschettieri (il gagà Aramis era particolarmente popolare) e del loro servitore Arlecchino, tra battute fulminanti, completo nonsense, divagazioni artistico-letterarie e parodie di canzoni alla moda…

4mosc.gifNel 1935, la Perugina pubblicò i testi in volume, con le illustrazioni di Angelo Bioletto, e nel ’37 2anni.gifuscì l’altrettanto delizioso seguito, “Due Anni Dopo”.

Ho la fortuna di possedere entrambi i volumi in edizione originale, ma sono diventati rari. Ho scoperto che qui e qui è possibile acquistarne una riproduzione anastatica digitale, che tuttavia costa come o più di una copia originale in buono stato su eBay, e non avrà mai il fascino della vecchia carta. (Vero è che le coste non rischieranno mai di sbriciolarsi, ma… sarebbe un discorso lungo).

Infine, su questa pagina del sito di RadioRai, alla fine del paragrafo dedicato agli “Anni ’30”, è possibile ascoltare un brano della trasmissione originale – da non perdere.

Questi libri sono una lettura incantevole e spassosissima, un pezzo di storia minore italiana, una finestra su un mondo che non c’è più, la testimonianza di un modo di fare intrattenimento che era popolare e raffinato al tempo stesso, una chicca per chi ama Dumas… si era capito che li adoro?

 

 

Nizza e Morbelliultima modifica: 2009-08-21T17:19:00+02:00da laclarina
Reposta per primo quest’articolo

4 Commenti

  • sono evidentemente fuori tempo massimo.
    ma volevo testimoniare anch’io il valore dei ‘quattro moschettieri’ (libro sul quale imparai a leggere).
    posseggo una copia cartacea, che evidentemente e` una ristampa che contiene entrambe le storie. e` in uno stato purtroppo pietoso, sta insieme per miracolo ed e` piena di scarabocchi (i miei scarabocchi di bambino).
    in questi giorni la sto leggendo a mio figlio, e ci sganasciamo assieme, e` di un umorismo incredibilmente attuale.
    viva Nizza e Morbelli!

  • Mai fuori tempo massimo, Aldo! N&M sono favolosi, vero? Il Cardinale Riciliù, solo per dirne una… e l’apprendimento del Tedesco, e il viaggio in mongolfiera, e le canzoni adattate, e “il quarto del terzetto è D’Artagnan”… potrei continuare così a lungo! Invece mi fermo e auguro buon Natale a te e a tuo figlio.

  • Ho trovato per caso questo commento e sono lieto di aver trovato altri che conoscono, apprezzano e amano Nizza & Morbelli. Ho, naturalmente, i due volumi, ben tenuti e rilegati. Credevo, insieme a mio fratello, di essere rimasti gli ultimi a goderne (li sappiamo a memoria). É bello sapere che non siamo soli!
    Un caro saluto e a disposizione.
    Carlo

  • Evviva e ben trovato!
    Siamo un piccolo club, ma ci siamo… È sempre un piacere trovare un altro estimatore di N&M.
    Ha visto quest’altro post, con uno scampolo della versione originale radiofonica? http://senzaerroridistumpa.myblog.it/2015/10/04/i-quattro-moschettieri-russia/
    Un caro saluto a lei e a suo fratello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *