Shakeloviana

Shakespeare e Marlowe.

Nei romanzi, a teatro, al cinema… A est della Manica fatichiamo a immaginare la quantità di romanzi e plays e film che il mondo anglosassone ha dedicato all’uno e all’altro. E non è soltanto una questione di quantità, ma anche di selvaggia varietà: romanzi storici in senso stretto, ça va sans dire, ma anche gialli, ucronie, rinarrazioni, fantasy, spionaggio, metateatro, storie di fantasmi, la Questione del Vero Autore, l’omicidio a Deptford…

A patto che ci fossero in scena Marlowe e/o Shakespeare, andava bene, giusto?

Da un certo numero di anni vado a caccia di queste cose – e poi ci posto su. Molto di questo lavoro (such hardships!) risale al 2014 – anno di Shakespeare & Marlowe – ma poi mi sono detta: perché non continuare?

E quindi si continua e si continuerà: lista in fieri, da tornare a visitarsi ogni tanto. Un titolo italiano indica l’esistenza di una traduzione.

 

ROMANZI & RACCONTI

A Winter’s Tale, di Connie Willis
L’uomo che torna a Stratford per l’ultima volta… Curioso racconto con sorpresa.

The Propagation of Knowledge/La Propagazione della Conoscenza, di Rudyard Kipling
Ovvero, Piccoli Baconiani Crescono. Un racconto di caso, dispetto, ed esami.

A Dagger for Two, di Philip Lindsay
Un Marlowe tempestoso e anarchico.

A Dead Man in Deptford/Un Cadavere a Deptford, di Anthony Burgess
Vivido, ricco, scritto e narrato magnificamente.

Entered from the Sun, di George Garrett
Intricatissimo – per storia, per linguaggio, per personaggi… un’esperienza.

The Player’s Boy, di Antonia Forest
Un ragazzino alla ventura nella Londra dei teatri.

A Plague of Angels, di P.F. Chisholm
Due investigatori elisabettiani alle prese con i poeti londinesi.

Whiskey and Water, di Elizabeth Bear
Maghi, creature fatate e un Marlowe più e meno morto di quanto potessimo credere.

Ink and Steel, di Elizabeth Bear
I precedenti elisabettiani di Whiskey and Water, Volume Primo.

Hell and Earth, di Elizabeth Bear
I precedenti elisabettiani di Whiskey and Water, Volume Secondo.

Christoferus, or Tom Kyd’s Revenge, di Robin Chapman
In cui si scopre che Kyd non era solo l’uomo della Tragedia Spagnola.

It Was Marlowe, di Wilbur Gleason Zeigler
Il punto di partenza dell’antistratfordianesimo marloviano – via romanzo.

Tales of the Mermaid Inn, di Alfred Noyes
Un viaggio nel tempo in versi.

The Marlowe Papers, di Ros Barber
Romanzo in versi – talmente buono da farsi perdonare la trama antistratfordiana.

The Player’s Boy, di Bryher
Il declino del mondo di Shakespeare e Marlowe.

The Armor of Light, di Lisa Barnett e Melissa Scott
A) La magia funziona; B) Sir Philip Sidney non è morto e ha potuto salvare Kit Marlowe a Deptford.

La Memoria di Shakespeare, di J. L. Borges
Uno degli ultimi racconti dell’autore: parte à la Kipling, con il protagonista che si vede offrire quel che dice il titolo, e poi vira in direzioni inaspettate.

 

TEATRO (prosa e lirica)

Will Shakespeare, di Clemence Dane
Kit e Will sono amici per la pelle, e Mary Fitton è malvagissima.

The English Channel, di Robert Brustein
Shakespeare, Marlowe, i Sonetti, l’ispirazione, l’originalità…

Murdering Marlowe, di Charles Marowitz
E se Shakespeare fosse stato geloso matto?

The Reckoning of Kit and Little Boots, di Nate Cassidy
Marlowe e Caligola… strana coppia, vero?

Kit Marlowe, di David Grimm
Drammone sovrabbondante e vitale, molto marloviano.

The School of Night, di Peter Whelan
Arte, teatro, spionaggio, intrighi, gelosia…

Shakespeare in Love – The Play, adattato da Lee Hall
Ancora più incantevole del film – con il baricentro spostato sul teatro.

Kit Marlowe’s Death, di William Leonard Courtney (e Herbert Bedford)
Un play e l’opera che ne è stata tratta.

William, di Hakan Lindquist
Opera svedese che piazza Shakespeare ad ogni passo della vita di Marlowe.

Marlowe, di Josephine Preston Peabody
Idealizzato ma amaro: il mondo è troppo piccolo per Prometeo.

Fortune and Men’s Eyes, di Josephine Preston Peabody
Shakespeare, Pembroke, Mary Fitton e i Sonetti.

Happy Ends, di Chiara Prezzavento
Di teatro, finali, Romeo, Giulietta e altre amenità.

 

CINEMA, RADIO, TELEVISIONE

Enter a Spy, di Herbert Lom
Trattamento per un film mai prodotto.

Shakespeare in Love, di Tom Stoppard e Marc Norman
Adorabile, shakespearianissimo, spiritoso e intelligente.

Unauthorised History – The Killing, di Michael Butt
Produzione radio della BBC. Ottima scrittura, ottima regia, ottime voci.

A Waste of Shame, di William Boyd
Miniserie BBC. Shakespeare, Pembroke, Lucy Morgan e i Sonetti.

 

CON SCARSO ENTUSIASMO

The Book of Air and Shadows, di Michael Gruber
Scrittura sopraffina, personaggi odiosi, trama floscia.

Il Libro Segreto di Shakespeare, di John Underwood/Gene Ayres
Shakespeare non era Shakespeare, la lobby stratfordiana, gli accademici cattivi… that kind of stuff.

The Intelligencer/L’Informatore, di Leslie Silbert
Doppia linea temporale alternata – e whisful thinking dell’autrice in quella moderna. Modesto.

The Slicing Edge of Death, di Judith Cook
Judith Cook è un’ottima saggista – ma non un’ottima narratrice.

L’Uomo dal Guanto, di Jesùs Covarrubias
Immaginate un contro-Libro Segreto di Shakespeare in salsa mantovana – e senza nemmeno la scrittura spettacolare.

 

UN PAIO DI BIZZARRIE…

Una specie di Richiesta d’aiuto e…

Una bacheca su Pinterest.

Shakeloviana, la lista ragionataultima modifica: 2016-05-27T11:33:42+00:00da laclarina